3 cose da non dire a qualcuno con un disturbo d’ansia

L’esperienza dell’ansia è una parte normale e anche utile della vita. Come esseri umani abbiamo sviluppato la capacità di sentirci ansiosi perché è evolutivamente vantaggiosa. Se rimaniamo calmi di fronte a pericoli, non saremmo sopravvissuto come specie.

Il nostro consiglio è quello di affidarsi ad un psicologo in presenza di determinati problemi ma non fa neanche male approfondire la tematica attraverso la lettura di testi specifici. L’importante è affidarsi a psicologi che sanno lavorare e sicuramente che sia un psicologo palermo o di qualunque altra città l’importante è il fatto di affidarsi a professionisti di settore.

L’ansia può anche motivare a completare compiti importanti e può servire da indicatore che dobbiamo prestare attenzione a qualcosa nella nostra vita.

Tuttavia, quando l’ansia influenza in modo significativo il nostro funzionamento in più aree della loro vita, stiamo lottando con un disturbo d’ansia. Purtroppo, può essere difficile sapere cosa dire a qualcuno che soffre di ansia.

Quelle che seguono sono quattro cose che non dovreste mai dire a qualcuno che sta lottando con un disturbo d’ansia.

Bisogna calmarsi.

Dire a qualcuno con un disturbo d’ansia di “calmarsi”, è simile a dire a qualcuno con allergie di “smettere di starnutire”. Le malattie mentali non sono una scelta. Nessuno sceglie di sentire livelli di ansia paralizzanti e se la persona fosse in grado di controllare la sua ansia, lo farebbe.

Dire di “calmarsi” sta invalidando la persona che sta lottando e insinuando che stanno decidendo di avere il suo disturbo d’ansia. Invece, potrebbe essere utile chiedere alla persona quando è tranquilla “cosa posso fare per sostenerti?”, piuttosto che aspettare che sia in uno stato di ansia elevata.

Ciò che stai vivendo non è un grave problema.

Qualunque sia il problema che preoccupa quella persona, è chiaramente importante. Non sta a noi determinare cosa dovrebbe costituire un “grave problema” alla persona.

Ancora una volta, questo risale alla percezione errata che i disturbi d’ansia sono una scelta. Alcune persone che stanno lottando potrebbero sapere razionalmente che le loro paure sono improbabili.

Tuttavia, è difficile interrompere quei pensieri ansiosi. Piuttosto che esprimere opinioni su ciò che è fonte di ansia, è utile ascoltare le preoccupazioni di un soggetto ansioso in modo compassionevole ed empatico.

Hai ragione, potrebbe accadere.

Cercate di evitare di dire qualcosa che possa nutrire i timori di un soggetto ansioso. Per esempio, se hai un amico con una fobia di volo, non raccontargli del terribile incidente aereo di cui hai sentito parlare al telegiornale.

Evitando l’uso di affermazioni stigmatizzanti e avvicinando coloro che lottano con i disturbi d’ansia con compassione, puoi aiutarli a sradicare alcune dei pregiudizi associati ad una diagnosi di disturbo mentale.

Gli studi dimostrano che la vergogna e la paura del giudizio sono una delle ragioni che inducono  le persone con malattie mentali ad evitano il trattamento. Questo è il motivo per cui fornire sostegno e compassione a qualcuno che sta lottando con un disturbo d’ansia è così cruciale.

Heather Rayne, ha riassunto come vive un soggetto con un problema di salute mentale dichiarando: “Vivere con ansia o depressione ci fa sentire come qualcuno che cerca di salire da un buco profondo e fangoso con un sacco di sacchetti di sabbia. Tutto sembra molto più difficile, anche alzarsi dal letto al mattino può essere un’impresa monumentale. I compiti più semplici possono essere una sfida temuta: nessuno vuole sentirsi in questo modo”.

Inserisca un commento

Può utilizzare questo codice HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*