Allarmare i ladri con sistemi antintrusione

Una delle cose che più temono gli italiani è di essere derubati dentro casa, che degli sconosciuti entrino nei loro spazi, mettendo le mani tra le loro cose. Ma pochi di loro hanno equipaggiato la propria abitazione di sistemi antintrusione validi per proteggersi contro il pericolo dei ladri. E’ dunque necessario contattare una ditta che si occupa di fornirci e installare sistemi antintrusione, avere massima fiducia negli installatori e curare la manutenzione. Antintrusione Roma

I sistemi antintrusione oggi più usati possono essere divisi tra quelli che comunicano via cavo e quelli che comunicano via radio. Di solito i sistemi che si basano su un impianto cablato, ossia con fili, è più potente e robusto rispetto a un sistema a onde radio.

Inoltre, nel caso in cui i fili vengano manomessi, si attiva un allarme che consente di rintracciare comunque l’ingresso dei ladri in casi. Infine può essere monitorato facilmente dall’utente, attraverso una piccola tastiera dove attivare o disattivare i comandi di allarme.
Tuttavia, prevede dei costi piuttosto elevati.

Inoltre, essendo predisposto per un impianto a muro, nel caso in cui le mura dell’abitazione non siano predisposte per questo tipo di impianti, bisogna operare delle modifiche nei muri e nell’impianto elettrico della casa, lavori che potrebbero aumentare i costi di attivazione e provocare dei disagi per l’utente.

Il sistema via radio, senza fili, non provoca questi disagi. I sistemi comunicano tra di loro via etere, attraverso delle onde radio. Presenta dei costi di attivazione molto bassi, non prevedendo lavori di muratura, e può essere modificato nel tempo.Per questo è meno potente dell’impianto con fili e si possono creare delle difficoltà nella comunicazione tra i vari componenti, essendo l’etere trafficato da diversi tipi di frequenze.

Inserisca un commento

Può utilizzare questo codice HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*