smaltimento alluminio roma

Alluminio: ecco come viene smaltito

Come ben sappiamo, ogni materiale che diventa un rifiuto e viene gettato negli appositi contenitori per la raccolta differenziata, viene raccolto da agenzie che si occupano dello smaltimento rifiuti Roma per poi essere riciclati e riutilizzati in nuove forme, oppure vengono smaltiti. Oggi andremo a vedere come viene smaltito o riciclato un materiale con cui abbiamo spesso a che fare, ossia l’alluminio.

Chi non ha in casa la carta d’alluminio che utilizziamo per confezionare e conservare alimenti o medicinali? E quando la gettiamo che fine fa? Come verrà riciclato o smaltito? Scopriamolo insieme.

Le caratteristiche dell’alluminio per il riciclaggio

Per quanto riguarda il riciclaggio, l’alluminio è uno dei materiali che è più duttile per essere riutilizzato in quanto possiede molte caratteristiche: ad esempio è leggero, resistente agli urti, durevole, resiste molto alla corrosione, non viene attratto da calamite, è un buon conduttore termico, un ottimo conduttore elettrico (viene infatti impiegato in conduttori di alto voltaggio), è molto malleabile e facilmente lavorabile e da esso si possono ricavare molte leghe in quanto è molto versabile. Ovviamente questo materiale è riciclabile al 100%.

Come viene riciclato

Il riciclaggio dell’alluminio, proviene dalla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Vengono selezionati principalmente degli imballaggi di base come le lattine per le bibite, scatole per alimenti, chiusure per bottiglie e vasi, bombole dell’aerosol, tubetti, vaschette, fogli sottili e involucri.

Questi rifiuti vengono poi mandati ad un impianto di separazione che eseguono un primo trattamento. Vengono così separati degli eventuali metalli magnetici, come per esempio il ferro, o da altri materiali diversi come potrebbero essere il vetro o la plastica, grazie ad un separatore che viene azionato a correnti parassite generate dai campi magnetici presenti.

Successivamente viene pressato il tutto in balle e vengono mandati alle fonderie che, dopo un controllo sulla qualità, pretratteranno il tutto ad oltre 500 gradi per eliminare vernici o altre sostanze estranee. Dopodiché verrà fuso in forno alla temperatura di 800 gradi.

Otteniamo così dell’alluminio liquido, il che verrà poi trattato e trasformato in lingotto. Abbiamo così un alluminio riciclato e che ha proprietà pari al materiale originale e può essere riutilizzato per nuovi imballaggi, edilizia, parti di automobili eccetera.

Inserisca un commento

Può utilizzare questo codice HTML:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*