Categoria: Tecnologia

Scegliere un mouse personalizzato per lavorare meglio

Il mouse è uno strumento fondamentale per utilizzare al meglio il proprio pc e lavorare in modo comodo e preciso. Nonostante molti notebook abbiano quello incorporato, il tradizionale manovrabile è sempre la scelta migliore e maggiormente funzionale.

Come scegliere il mouse perfetto per le proprie esigenze?
In gergo è anche detto topo, in riferimento alla forma dei primi proposti dal mercato che assomigliavano, effettivamente, a dei topolini. Al giorno d’oggi esistono diverse tipologie di mouse, con caratteristiche specifiche per soddisfare ogni tipo di esigenza personale.

Su www.iperprice.it è possibile scegliere il proprio preferito da un ricco catalogo, nel quale è possibile trovare dispositivi moderni, funzionali, colorati, professionali o economici, in base alle proprie esigenze e necessità.

Ma quali caratteristiche imprescindibili deve avere un topo per essere perfetto? Ecco cosa verificare prima di procedere all’acquisto:

– la compatibilità col proprio pc
– la semplicità d’uso
– una forma che si adatti al proprio tipo di mano
– l’estetica, che ha sempre la sua importanza: lavorare con degli oggetti gradevoli all’occhio rende più produttivi ed entusiasti
– che sia adatto sia ai mancini che ai destrorsi, in modo da poterlo manovrare agevolmente con entrambe le mani

Col filo o wireless?
La scelta tra un mouse col filo o wireless è, naturalmente, molto soggettiva. Dipende da come si utilizza solitamente il pc, dalle proprie necessità ed abitudini di lavoro personali. Tendenzialmente, è da preferire il filo se:

– si ha un pc fisso
– si utilizza il portatile o il fisso sempre su una comoda scrivania o tavola

Il wireless è più comodo, invece, se:

– ci si sposta parecchio portandosi dietro il pc nella sua borsa. In questo caso, meno fili si dovranno gestire più comodo sarà il trasporto
– si usa spesso il pc collegato al tv e, quindi, selezionando e lavorando dal divano o dal letto
– si usa il portatile per lavoro, con continui spostamenti: assemblare il tutto sarà più facile ed immediato senza fili che intralciano

I migliori modelli disponibili
Su www.iperprice.it sono proposti moltissimi modelli di mouse a prezzi davvero interessanti, accessibili e convenienti. Si tratta di dispositivi di ultima generazione, moderni, pratici e funzionali, che assicurano performances ottimali e soddisfacenti. Vediamo qualche modello in particolare, tra i più quotati e consigliati:

– Acer LC.MCE0A: un RF wireless a tre tasti, con tecnologia ottica e 1000 DPI di risoluzione. Funziona entro un raggio di 10 metri, senza perdere funzionalità e precisione. Ha una forma piccola e bombata, molto ergonomica e comoda, che si adatta perfettamente al palmo della mano, seguendone le naturali linee anatomiche, per un uso confortevole. Una caratteristica da non sottovalutare è la possibilità di scegliere tra i vari colori moda: azzurro, rosa, giallo, arancione, lilla, il classico nero e molti altri

– Aerocool Strike X Combat USB: perfetto per giocare, ambidestro, con ben nove tasti, con scorrimento a rotella e 2800 DPI di pura precisione. L’ideale per chi ama rilassarsi al pc giocando e desidera velocità reattiva

– Aerocool Gladiator USB Laser: un altro dispositivo pensato per soddisfare i gamers, ambidestro, 4000 DPI, dal design aggressivo e accattivante. Ben otto tasti e scorrimento a rotella. Una precisione infallibile per garantire ore e ore di divertimento anche ai giocatori più agguerriti ed appassionati, senza stancare eccessivamente la mano

Inoltre, su www.iperprice.it è possibile trovare tantissimi altri modelli, versatili e adattabili alle proprie esigenze: dal semplicissimo e basico Acer MS.11200.074, economico e intuitivo anche per i meno esperti, ai modelli a cloche, più innovativi e moderni. 3M, infatti, brand leader nel settore dell’accessoristica informatica, ha lanciato sul mercato una linea di cloches, sia per destri che per mancini: un’alternativa al classico topolino più comoda e confortevole da usare, soprattutto per i giochi e i programmi di grafica.

stampante a getto d'inchiostro

Stampante a getto d’inchiostro: 3 consigli per l’acquisto

È vero, comprare una stampante non sempre è così semplice e occorre fare diversi tipi di valutazione. Ne esistono di diversi tipi in commercio e non è facile capire qual è quella più adatta a noi. Infatti, sono tanti gli elementi da valutare, soprattutto se il suo uso è destinato ad un lavoro prettamente aziendale e non solo privato.

Per questo la domanda è: quali sono gli aspetti più importanti da valutare quando si acquista una stampante a getto di inchiostro, la più comune ad uso domestico? Noi ne abbiamo individuati 3.

  1. Valutate la risoluzione e la qualità della stampa

Avete intenzione di stampare delle foto? Allora la risoluzione è davvero un aspetto fondamentale da valutare. Questo perché la risoluzione è strettamente correlata con la qualità finale della stampa. Per questa ragione, se il vostro scopo è acquistare una stampante che permetta di stampare delle foto, valutate che abbia tutti gli optional necessari come un’alta risoluzione, la possibilità di stampare a colori e delle schede per fotocamere digitali.

  1. Controllate la velocità della stampante

Se siete proprietari di un’azienda e necessitate di una stampa rapida, veloce ed efficiente, valutate la velocità della stampante che desiderate acquistare. In linea di massima, una stampante a getto di inchiostro riesce a stampare un foglio impiegando dai 5 ai 15 secondi, mentre una stampante laser può stampare anche 20 fogli in un solo minuto. Se avete bisogno di rapidità, la stampante a getto d’inchiostro potrebbe non far al caso vostro. In questo caso sarebbe meglio optare per una stampante laser.

  1. Valutate il costo delle cartucce

Le stampanti, si sa, hanno un costo che può essere anche esorbitante a volte. Se prendiamo poi in considerazione il costo delle cartucce, si arriva ad un prezzo davvero molto alto. Le cartucce per le stampanti a getto d’inchiostro hanno un costo minore rispetto a quelle laser, e se ne possono utilizzare una vera molteplicità: come quelle originali, le cartucce per stampanti compatibili o quelle ricaricabili. Il segreto per un migliore acquisto? Capire la destinazione d’uso della vostra stampante e successivamente decidere qual è la cartuccia più adatta a voi.

tipologie di siti web

Siti web: tipologie di piattaforma e differenze

I siti internet non sono tutti uguali. Nel vastissimo mondo del web è possibile navigare tra una grande varietà di siti web, che presentano tipologie e caratteristiche completamente differenti, dall’acquisto di beni e servizi online alla ricerca di informazioni. In base alle funzionalità ricercate, sono sempre di più le aziende propense ad aprire un proprio spazio online. Un’agenzia di siti web Lecce, Milano o Roma ha il compito di scegliere la tipologia di sito più adatta alle tue esigenze. Ma quali sono le tipologie di sito esistenti? Ecco le più importanti:

Sito web statico o dinamico?

Esiste una sostanziale differenza tra siti web statici o dinamici. Il sito web statico è caratterizzato da ottime prestazioni in termini di velocità di caricamento, in quanto è costituito da pagine scritte in HTML che presentano una struttura semplice, con il quale l’utente non può in alcun modo interagire, per questo motivo è detto anche sito vetrina.

Il sito web dinamico invece è la nuova frontiera del web 2.0. Esso presenta una struttura molto più complessa, ed è solitamente collegato ad un database che raccoglie tutte le informazioni degli utenti, che possono interagire con esso lasciando feedback, recensioni, commenti o più semplicemente registrandosi.

Blog di settore

Il blog è uno spazio web dove è possibile condividere esperienze e pareri con gli altri utenti. Considerato come una sorta di giornale di bordo o diario personale, il blog aziendale è costituito da post ed articoli disposti in ordine cronologico, nel quale gli utenti possono partecipare attivamente alle discussioni, creando un canale di comunicazione diretto con l’azienda.

Portale e-commerce

Realizzare un portale e-commerce è la scelta più efficace per un’azienda che intende vendere online i propri prodotti e servizi. Esso è una tipologia di sito web molto più complessa del tradizionale sito vetrina, in quanto consente di gestire in maniera completa ogni fase del processo d’acquisto, dall’aggiunta dei prodotti al carrello alla transazione economica, tutto viene effettuato direttamente online.

cartucce per stampanti

Risparmiare con i toner compatibili: ne vale la pena?

I toner per stampanti originali hanno un costo di mercato molto alto, da molti giudicato eccessivo, specie se si considera che non sempre i serbatoi appena acquistati sono pieni come dovrebbero essere. In effetti, sul mercato della stampa esistono diverse alternative, non tutte, però, consigliabili. Una delle soluzioni più diffuse, ma anche più inadatte, è rappresentata dai toner compatibili, ed ecco il motivo per cui è meglio evitarli.

Cosa sono i toner compatibili

I toner compatibili sono prodotti clone delle versioni originali, realizzati per integrarsi a più modelli di stampante laser di una stessa marca, a differenza di quanto avviene con le originali, in cui viene sviluppato un serbatoio specifico per ogni modello di riferimento. Essi provengono in massima parte dal mercato asiatico e sono messi in commercio senza passare dal regolare processo di valutazione della qualità e della sicurezza da parte dell’Unione Europea. Essi, in pratica, sono sprovvisti della regolare certificazione imposta ai prodotti venduti all’interno della UE e, di conseguenza, anche della relativa garanzia.

Le prestazioni dei toner compatibili

Anche a livello prestazionale, i toner compatibili non danno le necessarie garanzie di affidabilità; non solo il funzionamento ottimale del dispositivo non può essere assicurato, ma non si può neanche escludere il rischio di danni al dispositivo di stampa una volta integrato al componente non originale.

Rischi per la sicurezza

Senza considerare, poi, che i toner compatibili, non avendo affrontato i test sulla qualità e l’integrità, presentano rischi specifici per la salute e per l’ambiente. All’interno del toner, infatti, sono presenti diverse tipologie di polveri, alcuni di esse tossiche. Se con i toner originali esiste una filiera per il controllo e l’attestazione di sicurezza, tale monitoraggio è inesistente con i compatibili, con conseguenti minacce sia per le persone che sono a stretto contatto con la stampante e sia nella successiva fase di smaltimento dei rifiuti, che vanno a impattare in maniera significativa sull’ambiente.

totem esterni pubblicita

Perché scegliere i totem da esterno?

Sono numerosi i vantaggi che derivano dal ricorso ai totem outdoor: dalle amministrazioni locali ai professionisti, passando per le aziende, i soggetti che possono trarne vantaggio sono tanti.

Questi dispositivi, infatti, rappresentano uno strumento eccezionale di promozione e di diffusione di informazioni: ecco perché possono essere utilizzati con successo e in maniera soddisfacente da realtà che hanno bisogno di avere un po’ di pubblicità, ma anche da enti locali ed enti pubblici che vogliono, semplicemente, fornire un punto informativo ai propri cittadini o, eventualmente, ai turisti.

I totem digitali da esterno permettono di mostrare contenuti testuali, ma anche video o immagini, sfruttando la multimedialità, non solo in italiano ma anche in altre lingue.

totem esterni pubblicitari

Sono i clienti a decidere quali contenuti produrre e, quindi, mettere a disposizione: una enoteca potrebbe mostrare l’elenco dei vini presenti in cantina, la pro loco di un luogo turistico potrebbe fornire una cartina in cui sono riportati i punti di maggiore interesse, un’azienda potrebbe specificare quali prodotti e servizi vende, e così via. Ogni elemento può essere controllato con un semplice software a distanza, e l’interfaccia può essere customizzata. 

In altre parole che questi dispositivi possono essere degli ottimi player digital signage, la tecnologia che consente di mostrare su una pluralità di apparecchi gli stessi contenuti multimediali, creati e gestiti da unica “cabina di regia”. La soluzione ideale, per esempio per una catena di negozi che disponga di numerosi punti vendita a cui veicolare immagini con promozioni, novità ecc..

La personalizzazione, per altro, può riguardare non solo i contenuti, ma anche la struttura esterna dei totem, che possono essere riverniciati come meglio si crede – per esempio con i colori e le fantasie di un brand -, oppure coperti di loghi, adesivi e stick.

Uno dei punti di forza di questi dispositivi va individuato, senza dubbio, nella loro solidità e nella loro longevità: si tratta, infatti, di apparecchiature che sono studiate, sia per ciò che riguarda la parte interna, sia per ciò che riguarda la parte esterna, per essere esposte all’aperto, e che quindi sono in grado di resistere a qualsiasi tipo di condizione climatica, ma anche all’umidità, grazie a una struttura resistente e robusta, che protegge lo schermo in maniera efficace. 

L’adsl di Fastweb si abbina a Sky: il progresso che avanza

In un mondo in cui non si riesce più a fare a meno di internet, avere una connessione veloce per poter navigare in autonomia e libertà è importante per tutti.

La fibra ottica, ormai offerta da quasi tutti i gestori che hanno iniziato il loro cammino telematico con la semplice adsl, propongono tariffe economicamente vantaggiose per sfruttare al massimo la banda larga e la relativa velocità elevata.

Fastweb e Sky insieme per fornire un’offerta adsl imbattibile

L’unione fa la forza, e Fastweb e Sky hanno fatto propria questa filosofia, creando una partnership con la quale si pongono l’obiettivo di offrire ai clienti internet ad alta velocità, per navigare e giocare online sfruttando una tecnologia di connessione estremamente all’avanguardia, e intrattenimento tv a prezzi vantaggiosi e decisamente competitivi.

adsl-internet
Le origini dell’adsl: un cammino lungo 15 anni

L’adsl ha fatto la sua comparsa nelle case degli italiani nel gennaio del 2000 con offerte che proponevano internet ad alta velocità per le abitazioni e per le piccole o medie aziende.

Quando si parla di adsl si fa riferimento alle tecnologie DSL (Digital Subscriber Line), a cui è stata anteposta la lettera “A” di “Asymmetrical”, in riferimento alla lunghezza di banda asimmetrica, appunto.

In altre parole, l’adsl consente ai clienti di usare la rete telefonica digitalmente, collegandosi a internet.

Il vantaggio che ha permesso la diffusione a macchia d’olio del sistema è stato quello di non essere costretti a installare nuovi cavi, poichè l’adsl sfrutta lo stesso impianto del telefono.

L’adsl: un sistema “appeso a un filo” di rame

Tutto comincia con l’utilizzo del doppino di rame, il filo telefonico che inizialmente veniva utilizzato soltanto per trasmettere la voce umana e, dagli anni Sessanta, è diventato veicolo di ulteriori informazioni, se opportunamente digitalizzate.

Il sistema si basa sullo sfruttamento di frequenze che potevano viaggiare lungo il doppino pur non appartenendo a quelle della voce umana.

Dai primi modem adsl alla tecnologia attuale

Agli inizi della diffusione del servizio adsl i modem riuscivano a inviare lungo i doppini frequenze diverse a seconda del valore dell’informazione binaria da trasmettere, il bit. A questo rispondeva un altro model, con una trasmissione di frequenza diversa.

La differenza tonale permetteva la trasmissione di informazioni in maniera continua e contemporanea.

Con lo sviluppo tecnologico nel campo delle telecomunicazioni la quantità di frequenze da poter essere trasmesse è aumentata fino a costituire le bande di frequenza, distribuite tra le due diverse attività svolte dalla connessione: l’invio di dati, upload, e la loro ricezione, download.

La velocità che cambia: adsl sempre più veloci

La velocità di trasmissione degli anni Sessanta di 300 bps risulta decisamente irrisoria al giorno d’oggi, quando, passando per i 56 kbps del 1998 e gli 8 Mbps, i valori di riferimento hanno toccato la soglia compresa tra i 14 e i 24 Mbps.

Questi due valori indicano la velocità minima e massima garantita per quella determinata connessione adsl. La velocità minima rappresenta la velocità minima di trasmissione che, in fase di offerta, il gestore deve assicurare al cliente.

La massima, invece, indica la velocità limite con la quale può avvenire lo scambio di dati tra dispositivi. La velocità è sempre influenzata dalla distanza della centrale telefonica, oltre che dagli ostacoli incontrati dal segnale.

Fonte: Sky Adsl