Perché più coppie divorziano in età avanzata?

La recente notizia che Bill Gates, 65 anni, e Melinda Gates, 56, abbiano divorziato dopo 27 anni di matrimonio ha colto di sorpresa gran parte del mondo. La coppia sembrava essere l’immagine della stabilità coniugale e della longevità, avendo cresciuto tre figli mentre fondava e guidava la più grande organizzazione no profit del mondo, la Bill & Melinda Gates Foundation, che ha distribuito oltre 54 miliardi di dollari in sovvenzioni sin dal suo inizio.

Sebbene non conosciamo tutte le ragioni alla base della decisione di Gates, è chiaro che non sono i soli a separarsi dopo decenni insieme.

Come ci dice un noto avvocato matrimonialista Verona, alcune ricerche precedenti pubblicate su The Journals of Gerontology hanno rilevato che più di 1 persona su 4 che divorzia negli Stati Uniti ha più di 50 anni e oltre la metà di questi divorzi avviene dopo 20 anni di matrimonio. I dati di Pew Research del 2017 hanno rilevato che il tasso di divorzio dopo i 50 anni è quasi raddoppiato dal 1990 al 2015. E uno studio pubblicato nel giugno 2020 sul Journal of Family Issues ha rilevato che nelle persone con più di 50 anni gli atteggiamenti sono cambiati per essere più favorevoli al divorzio dal 1994 al 2012.

Il tasso di “divorzio grigio” in realtà è raddoppiato dal 1990 al 2010 ed è rimasto a quel livello da allora, secondo Susan L. Brown, PhD, illustre professore e cattedra di sociologia presso la Bowling Green State University di Bowling Green, Ohio, e autore del libro Famiglie in America. Questa statistica proviene dallo studio pubblicato su The Journals of Gerontology, di cui è coautrice e che ha utilizzato i dati del Vital Statistics Report degli Stati Uniti e dell’American Community Survey.

Qualcosa sta sicuramente succedendo tra le persone nella seconda metà della vita che è diverso dai giovani adulti, dice il dottor Brown. “È piuttosto caratteristico ed è in contrasto con la tendenza dei giovani adulti di questi tempi. Per loro, il tasso di divorzio sta precipitando”, aggiunge, citando una ricerca del 2019 condotta presso la Bowling Green University e pubblicata dal National Center for Family and Marriage Research.

Le prove dimostrano che il matrimonio fa bene alla salute… di solito

Qualcosa sta sicuramente succedendo tra le persone nella seconda metà della vita che è diverso dai giovani adulti, dice Brown. “È piuttosto caratteristico ed è in contrasto con la tendenza dei giovani adulti di questi tempi. Per loro, il tasso di divorzio sta precipitando”.

Gli studi epidemiologici che seguono ampi gruppi di persone per confrontare i risultati associati a vari fattori suggeriscono che le persone sposate tendono ad avere una migliore salute fisica e mentale e a vivere più a lungo rispetto alle persone non sposate. Una meta-analisi pubblicata su Psychological Bulletin ha rilevato che in tutte le categorie di risultati di salute, compresa la funzione cognitiva e la salute cardiovascolare, c’erano associazioni piccole ma coerenti tra una maggiore qualità coniugale e una salute migliore.

Ciò potrebbe essere dovuto a diversi fattori, dice. “Le coppie sposate tendono ad avere più risorse rispetto alle loro controparti non sposate. Anche il supporto sociale potrebbe svolgere un ruolo. Un coniuge può ricordarti di andare dal medico o incoraggiare abitudini sane, dice Brown.

Ma tale ricerca non significa che tutti i matrimoni facciano bene alla salute a livello individuale.

“Sappiamo che vivere in un matrimonio di bassa qualità può essere molto dannoso per la salute e il benessere individuale. Quando si guarda un po’ più in profondità, il matrimonio è protettivo per la salute individuale e la longevità quando le coppie sono in matrimoni soddisfacenti e gratificanti, ma nei matrimoni di bassa qualità e pieni di conflitti, i risultati sono in media significativamente peggiori”, afferma Brown.

Allora perché il “divorzio grigio” sta diventando più comune ora?

Ci sono probabilmente molti fattori che contribuiscono al motivo per cui più coppie anziane divorziano di più rispetto alle generazioni precedenti. Una delle ragioni, suggerisce Brown, è che il significato del matrimonio è cambiato. “Il nostro copione culturale o le aspettative su ciò che costituisce il successo coniugale sono cambiate nel tempo”, spiega.

Un buon matrimonio è ora definito da domande come “Questo matrimonio mi rende più felice come persona?” e “Il mio matrimonio sta contribuendo alla mia realizzazione personale?” dice Brown. “Se la risposta è no, il divorzio può essere visto come una soluzione accettabile”, aggiunge.

Inoltre, più donne sono più indipendenti ora dal punto di vista economico, offrendo alle donne un percorso alternativo per uscire da un matrimonio insoddisfacente che le donne delle generazioni precedenti potrebbero non aver avuto, afferma Brown.

Infine, il divorzio in età avanzata può essere più comune di qualsiasi altro momento della storia per un semplice motivo: le persone vivono più a lungo, afferma Brown. Se sopravvivi fino ai 65 anni, potresti vivere altri 20 anni, che è molto tempo da passare con qualcuno di cui non sei più felice, dice. “Potresti farla finita”.

In una dichiarazione rilasciata tramite Twitter, Bill e Melinda Gates hanno dichiarato: “Continuiamo a condividere la fede in quella missione e continueremo il nostro lavoro insieme alla fondazione, ma non crediamo più di poter crescere insieme come coppia in questa prossima fase. della nostra vita».

Brown osserva: “Quel linguaggio si allinea con l’idea che c’è ancora molta vita da vivere e il desiderio di farlo in un modo che sia gratificante e soddisfacente dal punto di vista personale e individuale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*