Come iniziare un Vlog in tre passi

produzione video

Aprire un Vlog in tre passi è possibile ma da qui al successo planetario gli step da compiere sono molti di più. Iniziamo questo approfondimento con questa doverosa premessa perché il web, per molti anni, ha portato le persone a credere che in rete tutto sia più facile quando non è affatto così. Per questo è importante capire che prima di aprirlo ci sono tre step fondamentali da compiere e che corrispondono ad una minima parte di impegno che questo richiede. Certamente sarà importante lavorare sulla qualità della propria produzione video ma i valori da perseguire sono molti altri. Per questo vedremo quali sono le prime azioni da intraprendere fornendo spunti e consigli che ti permetteranno di creare una base solida di azione, semplificandoti il percorso per il raggiungimento del successo.

Perché stai aprendo un Vlog?

Se non hai risposto a questa domanda non vale la pena procedere. Il punto è che l’obiettivo non può essere determinato in modo generico ma, al contrario, deve essere stabilito con una certa precisione. Per esempio se apri un vlog per diventare influente nel settore in cui ti collocherai in qualità di professionista dovrai agire in un certo modo. Se decidi di curare un vlog per guadagnare dalla pubblicità e dall’influencer marketing dovrai procedere in tutt’altra modalità. Come vedi gli obiettivi devono esser chiari da subito per cui non girarci troppo intorno e rifletti con precisione su quali saranno le finalità. Non confondere l’obiettivo con l’argomento perché, come vedremo qui di seguito, ci stiamo riferendo a due concetti molto differenti tra loro.

Scegli prima l’argomento o prima la nicchia?

Ovviamente dopo aver definito le finalità potrai passare alla lista di argomenti da trattare. Per questa fase suggeriamo di essere molto specifici e, quindi, verticali. Difatti oggi non basta scegliere il settore viaggi perché è necessario un piccolo sforzo in più. Per esempio potresti optare per viaggi con il proprio amico a quattro zampe o viaggi con budget ridotti. Se ti occupi di moda dovrai specializzarti in moda low cost, sostenibile, curvy, no gender o qualsiasi altra categoria. L’importante è che andare a posizionarsi su una nicchia ben precisa grazie alla quale determinerai le informazioni strategiche che affronteremo nel paragrafo successivo. In questo caso ci riferiamo al target, ovvero al pubblico ideale al quale ti rivolgerai e che determinerà gli argomenti da trattare, il tono di voce da utilizzare e altre informazioni cruciali per la strategia.

Quali canali utilizzerai?

Una volta determinate tutte queste informazioni sarai pronto a produrre i contenuti e a condividerli con la rete. Ti resta da decidere dove questi saranno reperibili perché la scelta è molto ampia. Ci sono i siti web personali, i social network, i canali YouTube ecc… La scelta del canale dipende da dove è maggiormente presente il tuo target ideale. Quindi una volta capito dove i tuoi fan potenziali sono presenti lavorerai per condividere con loro contenuti utili e interessanti, nel rispetto delle regole della piattaforma scelta. Come vedi il lavoro iniziale è parecchio impegnativo per cui mettiti all’opera e disegna il tuo vlog ancora prima di iniziare a girare i video. Solo così i risultati non tarderanno ad arrivare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*