Come fare Digital Marketing nel modo giusto

Il marketing digitale è un argomento enorme che copre molte aree di competenza, quindi abbiamo cercato di trattare gli argomenti principali come:,gestione dei social media, realizzazione di chatbot, ottimizzazione dell’esperienza utente e alla generazione di lead B2B .

Ecco alcuni consigli raccolti su Internet da una nota agenzia di web marketing a Lecce.

Cosa sapere sull’ottimizzazione del tasso di conversione (CRO)?

La cosa più importante è desiderare di migliorare le cose rispetto al momento della partenza di un progetto. Non guardare la concorrenza o i valori medi. Non importa se converti allo 0,1% o al 10%, devi sempre pensare a renderlo migliore.

Essere curiosi è la chiave perché non esiste uno strumento che funzioni per te. Ad esempio, non guadagnerai di più semplicemente installando Convert sul tuo sito web e lanciando dei test. Ciò che realmente si riduce è voler scoprire perché le persone sono frustrate, quali sono i loro problemi e cosa impedisce loro a convertire. Le risposte si trovano nei test di usabilità, nella ricerca sul comportamento degli utenti, nella mappa del click e nell’analisi dei dati, nelle risposte ai sondaggi e altro ancora. Li troverai se le risposte alle tue domande.

Tutto ciò che fai prima del test A / B è vedere cosa stanno facendo le persone. Quindi scopri dove le persone hanno un problema e prova a creare un’ipotesi sul motivo per cui sta accadendo.

Cosa dovresti sapere sulla User Experience?

In primo luogo, ci deve essere un processo strategico e una tempistica intorno all’ottimizzazione dell’esperienza. Ho visto migliaia di clienti e professionisti del marketing provare l’approccio ad-hoc. Di tanto in tanto, eseguiranno alcuni test per una campagna o penseranno a ottimizzare la loro esperienza utente, ma non riusciranno a ottenere risultati e la abbandoneranno del tutto.

L’intero processo di ottimizzazione dell’esperienza dovrebbe essere visto come un programma continuo. Il problema del test A / B è che se lo fai oggi, dovrai farlo di nuovo il mese prossimo.

Rimani aggiornato! Il mondo si sta muovendo così velocemente che anche se l’esperienza del tuo sito web è di prim’ordine in questo momento, il comportamento dei clienti si evolverà drasticamente nel prossimo futuro e dovrai essere in cima alle cose praticamente tutto il tempo.

Quello che vedo anche, dal punto di vista del test A / B e del CRO, è che ottenere più vincitori è più difficile. Quando dico vincitori, intendo campagne in cui l’ipotesi è stata verificata e convalidata. Ci sono anche campagne in cui le ipotesi sono false, quindi passare dal 50% al 60% è difficile.

Devi accettare il fatto che più della metà delle tue campagne non si tradurrà in vincitori, e va bene; succede ad alcuni dei siti web più ottimizzati. Anche le campagne più sofisticate falliscono di oltre il 50%, quindi non dovresti arrenderti. L’idea è di continuare a testare costantemente.

Cosa consiglieresti ad un Brand che cerca di diventare un leader del settore?

Per diventare un leader del settore, la cosa più importante da fare è fornire valore. Se stai solo costruendo un Brand come obiettivo, sarà difficile mantenere le persone interessate. Concentrati sul valore che offri al mondo e sulla tua missione e sforzati di essere il migliore in ciò che fai, indipendentemente dalle dimensioni del mercato.

Ad esempio, offri ai tuoi utenti  una versione di prova gratuita del tuo software, mostra perché i tuoi potenziali clienti debbano scegliere te e rendi accessibili tutti i dati inerenti alla tua azienda.

Solo così potrei attirare a te gli utenti.

Quando crei una tale sensazione tra il tuo pubblico di destinazione, potrai davvero diventare un leader del settore.

Quali sono i fattori psicologici che i professionisti del marketing tendono a perdere e quali sono i tuoi suggerimenti per includerli in una strategia di marketing?

La più grande mancanza è non usare la psicografia per profilare il tuo pubblico ideale.

Essa comprende elementi come: interessi, atteggiamenti /attività e opinioni che ti aiuteranno a capire quali informazioni il tuo pubblico vuole vedere, dove vuole vederle e il tipo di informazioni a cui risponderebbero meglio. Ti aiuta a conoscere il tuo pubblico a livello umano.

Poi ci sono pregiudizi che possiamo usare per migliorare la conversione dei nostri contenuti. Cose come l’effetto di ancoraggio, utilizzando la prima informazione che vedi per confrontare o contrastare il resto delle informazioni. Quindi puoi andare più in profondità con l’arbitrarietà coerente e la domanda cognitiva, ingroup e outgroup. I pregiudizi psicologici sono potenti nel marketing.

Il prossimo è il livello di consapevolezza del pubblico. In qualità di professionisti del marketing, siamo facilmente coinvolti nella creazione di contenuti ed è facile dimenticare di garantire che i contenuti siano al livello giusto per il pubblico.

Poiché ci sono migliaia di strumenti là fuori, la prima cosa che suggerirei è di essere molto chiari su ciò che vuoi ottenere. Quindi, mappare il tuo pubblico e pianificare la tua strategia dovrebbe essere il primo passo, per aiutarti a trovare gli strumenti che meglio corrispondono ai tuoi obiettivi di marketing.

In secondo luogo, concentrati sul coinvolgimento del tuo pubblico. Non limitarti a vendere, dai loro contenuti di valore che consumeranno. Ti consigliamo di prendere tutto il contenuto che hai già e distribuirlo al pubblico esistente. Utilizza quel contenuto e assicurati di aggiungere valore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*